Bababoom Band contest 2016 - Iscrizioni aperte

Reggae inedito ed emergente, realizzato da band italiane, non poteva mancare al festival delle Marche.

Siamo cosi pronti ad inaugurare la quarta edizione del Bababoom band contest, il contest per le band emergenti del panorama musicale reggae italiano.

Il contest si svolgerà dal 13 al 17 luglio durante il Bababoom festival, il festival italiano dedicato alla musica reggae, dub, roots e tutte le varie derivazioni accumulate negli anni.

La manifestazione 2015 ha visto la partecipazione di tante band. Si è aggiudicato il primo posto la band MamaAfr!Ka che salgono sul main stage 2016 di diritto.

Per iscriversi basta scaricare il bando allegato, compilarlo come istruzioni, e inviarlo via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La scadenza per l'invio del modulo è fissata per il 1 giugno. In caso di parità la data di invio è influente.

Il contest inizierà mercoledi 13/07 alle ore 20:30 e terminerà domenica 17/07 alle ore 24, si svolgerà sul main stage.

Per iscriversi è necessario scaricare il bando di partecipazione BANDO BABABOOM BAND CONTEST

Bababoom festival - Marzo 2016

Il Bababoom festival, ha acceso i motori e si prepara per la sua 5° edizione, dal 13 al 17 luglio, ancora una volta nella favolosa cornice di Marina Palmense, nel territorio comunale di Fermo, proprio in riva al mare.

Il festival è oramai diventato un punto di ritrovo fisso per giovani provenienti da tutta Italia che decidono di campeggiare 5 giorni sul lungomare fermano. Sono già diversi mesi che l'associazione culturale Bababoom, promotrice dell'evento, è al lavoro per programmare al meglio la manifestazione, aumentando ogni anno la qualità dell'evento. Come al solito, grande attenzione all'impatto ecologico, da quest'anno si adotteranno i bicchieri riutilizzabili in policarbonato e tante altri accorgimenti per garantire un evento rispettoso dell'ambiente.

Tante le novità e le attività extra confermate, tra le quali il Bababoom Band Contest e l'Art Contest.

E a proposito del Band Contest, fino al 1° giugno sono aperte le iscrizioni all’edizione 2016 del concorso per band italiane di musica originale reggae dub ska, e loro declinazioni. L’iscrizione è gratuita e si effettua online attraverso il portale del Bababoom Festival. 5 band verranno selezionate e si incontreranno sul palco del festival per la finale, al vincitore verrà assegnato un premio in denaro e la possibilità di aprire il concerto all’artista principale dell’edizione 2017 del Bababoom. Da quest’anno le band che partecipano al contest entreranno nel circuito di Reggae Booking, il sito dedicato alle band reggae italiane che in poco tempo dal suo lancio ha già raggiunto molti fans su Facebook e si presenta come luogo di incontro e di contatto gratuito con le band della scena reggae italiana.

Al Bababoom lo spazio artistico non è riservato esclusivamente alla musica, infatti è scaricabile dal sito il bando per l’Art Contest, il concorso di pittura ‘live’ che si svolge all’interno del festival e che prevede un premio in denaro per il vincitore e altri premi per i selezionati.

E' ora quindi di svelare i nomi dei primi artisti che calcheranno i palchi del festival, tanti altri si aggiungeranno nelle prossime settimane alla line-up 2016.

Il mainstage riserverà molte sorprese quest’anno, ancora non possiamo rivelarle tutte, ma iniziamo annunciando uno dei nomi più influenti del roots-reggae britannico, di origini giamaicane, sulla scena da più di trent’anni: Macka B. Reduce dalla chiamata al Rebel Salute, uno dei più importanti festival giamaicani, la sua voce roca e il sound unico infiammeranno il venerdì sera del festival. Il palco principale sarà affidato anche al made in Italy di altissimo prestigio dei Train to Roots, band sarda con più di 10 anni all’attivo, che al Bababoom presenterà il nuovo album, Home. In attesa di conoscere l’artista di punta del sabato sera, per quel giorno è prevista l'esibizione dei MamaAfrica. Il loro sound sperimentale ha convinto la giuria ad eleggerli band vincitrice del Bababoom Band Contest 2015, per cui hanno guadagnato un posto di diritto sul mainstage.

Passiamo all’area dub, sono già noti due degli artisti presenti quest'anno, stiamo parlando di due nomi di riferimento per la storia di questo genere musicale. Il primo, King Shiloh, curerà tutte le notti dub con il suo sound system internazionale fondato ad Amsterdam nel 1991. Il secondo è una star mondiale, Mad Professor, direttamente da Londra, pioniere del dub giamaicano in Inghilterra sin dai primi anni ’80, sarà presente di giovedì.

In area dancehall, un solo un artista annunciato per il mercoledì, ma di grande spessore. Stiamo parlando di Macro Marco, dj e produttore, uno dei più importanti punti di riferimento della black music italiana, molto attento alle nuove sonorità internazionali, mantenendo un impronta classica. Fondatore di Macro Beats, Gramigna Sound, Juggling Academy e Blue Nox Academy, ha prodotto artisti come Mecna, Kiave e Ghemon. E' anche Fuoriclasse del team “Red Bull Music Academy”.

Ricordiamo a tutti gli interessati che il Bababoom offre un abbonamento full ticket che include il campeggio, in promozione fino al 31 marzo a soli 50 €. I biglietti sono acquistabili direttamente online dal sito o in uno dei quasi 500 punti vendita Ciao Tickets sparsi per la penisola. I posti sono limitati. La location del festival è a due passi dal casello autostradale di Fermo-Porto San Giorgio e a meno di 5km dalla stazione ferroviaria, con servizio bus navetta gratuito, e sempre dal sito è prenotabile il servizio bus granturismo a/r dalle principali città italiane.

Un’altra grandissima novità di quest’anno saranno i Launch Parties che porteranno in anteprima per tutta l’Italia il sound e l’atmosfera del Bababoom. Queste le date finora annunciate:


15 aprile: Forlì

16 aprile: Porto Torres
22 aprile: Milano
23 aprile: Roma

24 aprile Ancona

29 aprile: Fermo
30 aprile: Perugia
14 maggio: Bari

20 maggio: Roma
20 maggio: Giulianova
21 maggio: Bologna
27 maggio: Ravenna

Il gran finale, il 28 maggio, in contemporanea a Potenza Picena(feat. Sud Sound System), e Milano (feat. Dread Lion Hi Fi).

Per qualsiasi curiosità, per le news sugli artisti e alle iniziative legate al festival potete consultare
il sito
www.bababoomfestival.it, la pagina Facebook www.facebook.com/Bababoomfestival
e Google+
plus.google.com/+BababoomfestivalIt, o potete scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Bababoom Festival

Peace Through Music

Intervista ai Sound Of Sun

Pubblichiamo un intervista ai Sound of Sun, band reggae marchigiana 4° classificata al Bababoom Band Contest

Com’è nata la band?

I “Sound of Sun” nascono ad Urbino da un gruppo di studenti accomunati dall’amore per la musica reggae. Il loro inizio è caratterizzato da un repertorio in cui si eseguono cover di Bob Marley, Manu Chao, Alpha Blondy, Toots and the Maytals, 99 Posse (...) Con questa formazione collezionano da subito molte gig in giro per il centro Italia, tra le più rilevanti di questo primo periodo ci sono la partecipazione alla “Festa Dello Studente” di Urbino (in cui aprono i concerti di Brusco e Boomdabash) ed il Primo posto nel contest per Band emergenti “Pepper sound music contest” di Fano. Dopo un periodo di pausa Pietro Lanza (cantante/chitarrista) e Luca Grassi (batteria) incontrano Luca Tripolone (basso/cori) e Giuseppe Conte (chitarra/tastiera/cori/efx) e con questa formazione iniziano ad inserire nel loro repertorio brani inediti, scritti per la maggior parte in dialetto campano, italiano e “broken english”. Il tutto è arricchito da un sound che amano definire DubReggaeFunk e che li spinge a dedicarsi all’autoproduzione e quindi alla registrazione del loro primo disco/demo..

Quali sono i vostri artisti di riferimento dal passato ad oggi?

Di sicuro tra gli artisti del passato c'è Bob Marley, Jimmy Cliff, Peter Tosh, Alpha Blondy, Toots and the Maytals, Manu Chao, Burning Spear, Steel Pulse, i Meters...ma ognuno di noi porta con se vari generi quindi la lista sarebbe veramente lunga ..

 

State preparando nuovi progetti discografici?

Per ora no, perchè ne abbiamo appena finito uno, però ad ogni prova viene fuori sempre qualche nuovo brano.. Probabilmente l'anno prossimo ci sarà una nuova autoproduzione!! Com’è stata la vostra esperienza sul palco del Bababoom Festival? Indimenticabile. É una delle esperienze migliori del 2015, ci ha trasmesso tante buone vibrazioni, abbiamo condiviso il palco con la Krikka Reggae e Playa desnuda, gente che nel reggae ci sta da tempo e che ha esperienza da vendere. Per noi è stato un grande onore e ci ha fatto venire tanta voglia di continuare..

Quali sono i sogni nel cassetto?

Di sicuro uno dei sogni che abbiamo è riuscire a fare una tourné all'estero e magari ad approdare a quello che è uno dei festival reggae più importanti del mondo, un tempo ospitato in Italia, cioè Il Rototom Sunsplash, e poi magari qualche collaborazione importante con artisti di calibro internazionale (..ora stiamo proprio esagerando..)

Cosa pensate della scena reggae italiana?

In Italia c'è buona musica reggae, diversi dialetti italiani tra l'altro suonano benissimo nel ragamuffin, ci sono filastrocche e brani della tradizione napoletana che sono modernissime (Marcello Colasurdo, etc..), abbiamo inoltre tanti gruppi forti come Mellow Mood, Train to Roots etc.. che ogni anno esportano il “made in Italy Reggae” per il mondo, bisognerebbe dare più spazio al reggae Italiano soprattutto in Italia.. però questo non è un problema solo del reggae italiano ma un po’ di tutta la scena musicale italiana..

Quale esperienza vi ha segnato positivamente come gruppo?

Tutte le esperienze fatte fino ad oggi ci hanno segnato in positivo, ma crediamo senza dubbio che la migliore sia stata l'esperienza del Bababoom.

Quali sono stati i problemi incontrati dal vostro progetto?

Di sicuro, nei primi periodi, la mancanza di un posto dove poter provare ad “inventare” le nostre canzoni, ma fortunatamente siamo riusciti ad ovviare a questo problema.. Ora non avendo un Agenzia/manager che garantisce per noi risulta difficile trovare locali che ci facciano suonare (a parte quelli che già ci conoscono).

Cosa manca in Italia per sostenere la musica originale ed inedita?

La giusta informazione. La percezione deriva dalla conoscenza, quindi se i mezzi di comunicazione non fanno conoscere anche altri tipi di generi (e questo vale per tutte le arti..) le persone non percepiranno la bellezza della diversità.

Cosa devono fare promoter e fans per prenotare un vostro concerto?

Devono andare sulla pagina facebook Sound Of Sun al link: https://www.facebook.com/SOUNDOFSUN/ oppure chiamare i numeri: 320.851.5596 Pietro, 338.142.6528 Luca, 340.971.8593 Peppe.

Lasciate un messaggio a chi sta leggendo questa intervista

Vi piacciono le cose semplici e genuine? quelle in cui il contenuto è più importante della forma o come si suol dire dove "la cornice NON è più bella del quadro"? Allora godetevi i Sound of Sun e lasciate perdere i fronzoli e le chiacchiere! Altrimenti accendete la radio e li troverete tutta la merda che vi occorre..

Intervista ai Frank dd & Friends

Pubblichiamo un intervista ai Frank DD & Friends, band toscana 3° classificata al Bababoom Band Contest 2015

Com’è nata la band?

Il progetto Frank Dd & Friends è nato quasi per gioco nello studio di “Frank Dd”, buttando giù un album e facendo venire i propri amici (ovviamente i “Friends”) a registrare musica semplicemente a scopo ricreativo e fu così creato il primo concept album “Radio Nigeria”. Da lì i partecipanti decisero di formare una vera e propria band e portare fuori quei brani con uno spettacolo live.

Quali sono i vostri artisti di riferimento dal passato ad oggi?

Siamo una band piuttosto eterogenea, ogni membro del gruppo proviene da generi musicali diversi, è stata soprattutto questa la cosa che ci ha fatto più divertire nella composizione musicale dei brani. Il vostro primo Ep com’è stato concepito? La nascita del nostro primo EP è strettamente collegata alla nascita del gruppo, come spiegato nella prima domanda...

State preparando nuovi progetti discografici?

Abbiamo gia steso i primi brani del prossimo album, al termine del nostro Tour estivo (che prende il nome dal disco appena uscito “Dannata Dimensione”) ci rinchiuderemo nel nostro “stanzone” in quel di Montemurlo e ultimeremo il lavoro, chi si ferma è perduto! Com’è stata la vostra esperienza sul palco del Bababoom Festival? E' stata una magnifica esperienza, abbiamo avuto modo di conoscere e condividere il backstage con artisti di alto livello e suonare su un palco fantastico assistiti da fonici veramente competenti, tutto questo ovviamente grazie alle persone che ci hanno sostenuto sui social network e a tutti quelli che credono in noi e nella nostra musica.

Quali sono i sogni nel cassetto?

Il nostro principale sogno nel cassetto è far conoscere la nostra musica a più persone possibili, e oggi per fare questo è importante suonare live. Direi che dopo aver raggiunto il traguardo di suonare in diverse zone d' Italia come faremo quest' anno , il nostro prossimo obbiettivo/sogno nel cassetto sarà quello di portare il nostro spettacolo anche in Europa.

Cosa pensate della scena reggae italiana?

Pensiamo che molte band si ispirino a culture e lingue che non ci appartengono come il rastafarianesimo o il fatto di cantare in dialetto Patois solo perché “va di moda”, noi invece abbiamo preferito puntare sulla lingua italiana e su testi che moralmente ci appartengono, toccando temi sociali nei quali ci troviamo tutti i giorni, anche se a volte la cosa non porta molti successi. Stimiamo molto chi come noi ha il coraggio di essere “controcorrente”.

Quale esperienza vi ha segnato positivamente come gruppo?

Forse la piu grande esperienza l'abbiamo fatta a Settembre nella nostra città (Prato) all'Urban Eco-Festival aprendo il concerto ai mitici Africa Unite. E' stato magnifico condividere il backstage con loro, per molti di noi un sogno nel cassetto che si è avverato !

Quali sono stati i problemi incontrati dal vostro progetto?

Non abbiamo mai incontrato grandi problemi, se non il fatto di essere un band molto numerosa; questa ovviamente è un arma a doppio taglio sia nel momento della stesura dei brani (a noi piace musicalmente lavorare sugli arrangiamenti tutti insieme in modo che ognuno di noi metta del proprio; ovviamente però 7 menti da tenere insieme non è proprio la cosa piu semplice del mondo …), che per trovare date.

Cosa vorreste migliorare all'interno del vostro gruppo?

Più che un gruppo musicale amiamo definirci un circolo di artisti, nel nostro studio a Montemurlo c'è un gran viavai di artisti di ogni genere, amiamo fondere la musica con le varie tipologie di Arte. Abbiamo collaborato con ballerine, breakers, fotografi, grafici eccc. Vorremmo continuare così perché crediamo che l'arte sia una sola in tutte le sue migliaia di sfaccettature, e vorremmo migliorare il nostro spettacolo con aiuto di grafici (ad esempio proiettando visual dietro di noi sul palco) e artisti di ogni genere. Cosa manca in Italia per sostenere la musica originale ed inedita? Forse un po di soldini, ognuno di noi fa grandi

Cosa devono fare promoter e fans per prenotare un vostro concerto?

Poichè il nostro intento è quello di far conoscere la nostra musica a più persone possibili, i nostri concerti non necessitano di prenotazione o di biglietto di ingresso, tutto ciò che serve è controllare sulla nostra pagina facebook i nostri prossimi eventi!

Lasciate un messaggio a chi sta leggendo questa intervista

Il messaggio che vogliamo mandare a coloro che stanno leggendo questa intervista è quello di credere nella musica e nell'arte in ogni sua forma. Troppo spesso le esigenze commerciali fanno sì che vengano trattate come mere fonti di guadagno piuttosto che come ricchezza personale. Le band e gli artisti si trovano quindi a “combattere” a suon di like, pubblicità e concorrenza senza più sentirsi appartenenti all'unica bandiera della musica. Il nostro motto che si oppone a questa mentalità è “Cooperation No Competition” e faremo tutto il possibile per farlo arrivare agli orecchi dei diretti interessati.

In arrivo il nuovo album dei Sound of Sun

 

I Sound of Sun, con il loro disco/demo di 8 brani inediti, vogliono proporre alla scena musicale live del reggae “e dintorni” un sound che fonde stili di musica diversi fra loro ma ugualmente amati dal dancefloor. Il Dub/Reggae/Funk, condito con un po’di “ViolentSka”, ha dato molta luce ai quattro ragazzi che vivono ad Urbino. Il “Faccione” ruvido ed energico dei “SoS” è il simbolo del loro particolare sound e del loro messaggio. In “Parià”, “Tremende” o nel brano di recente composizione “Apri gli occhi” si affrontano le imbarazzanti problematiche della società moderna. Il loro disco si struttura in modo fluido ed intrigante passando da uno stile all’altro con molta naturalezza, come in “Piggì”, “O’Proprietario” e nella hit “Mama don’t like”. Ma non finisce qui; anche grazie ad una buona dose di autoironia, con il brano “Grazia” i Sound of Sun hanno creato da un semplice “detto” una storia in cui per realizzarsi non è necessaria la meritocrazia, una storia che parla di due persone con abitudini e opportunità contrastanti ma non del tutto diverse tra loro. I quattro ragazzi hanno voluto e potuto amalgamare in questa raccolta di brani le loro radici, diverse per provenienza ma non per cultura e sensibilità musicale..